Motel Gottardo Sud, Piotta Relazione presidenziale 40 anni dell’ATFCA – 2016

Signor Presidente del Consiglio di Stato,

Signor Sindaco,

Gentile Signora Perren

Vice Presidente dell’Associazione svizzera dei servizi agli abitanti (ASSA),

Signore/i ospiti presenti -che ho il piacere di conoscere per la maggior parte-

Luca Filippini segretario generale dipartimento istituzioni, Thomas Ferrari caposezione della popolazione, Fabio Riccardi e Andrea Càmesi servizio MOVPOP, Vincenzo Lava ufficio centrale dello stato civile, Carine Anato e Giordano Costa servizio protezione dati, Giuseppe Fedon ufficio cantonale di statistica, Elio Genazzi sezione degli enti locali, Vittorio Silacci delegato alla formazione, Massimo Demenga Presidente Unione Segretari comunali ticinesi,

Rappresentanti degli sponsor

(Comune di Quinto – Aj Logos – CCE – impresa Ennio Ferrari),

Caro Nicola Segretario comunale di Quinto,

Cari  Claudio-Gabriele-Lauro-Waldo  già Presidenti dell’Associazione,

Colleghe e colleghi di Comitato e Delegati nell’ASSA / Cari soci,

È con immenso piacere che vi porgo a nome del Comitato dell’Associazione Ticinese Funzionari Controllo Abitanti il più caloroso benvenuto. La vostra numerosa e qualificata partecipazione ci rende particolarmente orgogliosi. Oggi è momento di riflessione e di festa per degnamente sottolineare i 40 anni della nostra Associazione.

Era il 13 novembre 1976 quando un gruppo di nostri ex colleghi, con lungimiranza, costituì l’Associazione in quel di Locarno. Per segnare questi 40 anni ho fortemente voluto – in un periodo di grandi cambiamenti per gli Enti locali – riunirci “in Valle”, per marcare presenza e simbolico sostegno ai piccoli paesi che a volte sono lasciati un po’ soli! Ringrazio il Sindaco che ci ha esposto la vitalità e le peculiarità di questo Comune di Valle, seppur tra molte difficoltà, facendoci conoscere la vera realtà di Quinto, e non lo stereotipo che passa, con voce graziosa “…. sempre sull’A2 code di 3 km tra Quinto e la Galleria del San Gottardo, con attese di minimo 45 minuti, l’entrata autostradale di Airolo è chiusa in direzione di Lucerna”.

Tornando al 1976 rivolgo un deferente ricordo ai soci fondatori purtroppo scomparsi, anche prematuramente, e vi porto il saluto e scuso i 5 fondatori impossibilitati a partecipare, comunque presenti, “con il cuore”, per dirla con Rodolfo Cortella.

Introduco ora una breve parentesi per non essere ridondante a quanto detto da chi mi ha preceduto nei saluti e da chi seguirà, che ringrazio, facendovi partecipi, mi permetto, del mio debole per i numeri, numeri che associo alle due date che legano i nostri primi 40 anni: l’anno di fondazione e oggi 2016.

1976 anno bisestile. IBM introduce il primo tipo di stampante laser, nasce Francesco Totti e il gruppo rock “U2” (mia figlia mi ha detto di esprimermi con questo inglesismo), è stata fondata la Sezione della Svizzera Italiana del WWF, esce il quotidiano la Repubblica, e ancora, i 40 anni di Casa Serena struttura per persone anziane più grande e longeva della Città di Lugano, Jimmy Carter sale a Presidente degli Stati Uniti d’America, Nadia Comâneci totalizza un rotondo 10 alle Olimpiadi di Montreal, il Concord spicca il volo….per idealmente planare sul 2016 ed assistere al ripetersi di calamità naturali con impressionate regolarità, alle atrocità che solo l’uomo può pensare di compiere e a masse di persone in movimento che fuggono da crimini e dalle guerre.

Ci sono anche, per fortuna, belle storie che passano però con meno rilevanza e attenzione. Cito la recente consacrazione di Morcote, perla del Ceresio, quale paese più bello della Svizzera e l’avvento di AlpTransit. Inoltre, mirando alto, notizia di queste settimane – sorprendentemente positiva in un contesto mondiale così difficile, anche da prende a prestito per il nostro piccolo Ticino – la designazione, senza se e senza ma, di Antonio Guterres alla carica di Segretario generale delle Nazioni Unite, un bell’esempio di unità!

Questo mi fa dire che siamo noi individui a fare il bene e il male. Voglio credere che sappiano e possiamo fare unicamente del bene! Tutto ruota attorno alle persone e noi, nel nostro piccolo e nel nostro importante ruolo, dobbiamo fare del nostro meglio.

Concentrandomi sul controllo abitanti posso affermare che è attività centrale di un Comune, di servizio alla cittadinanza. Desidero cogliere l’occasione per rilevare l’importanza del nostro sistema di Controllo Abitanti per l’organizzazione del nostro Stato.

Da una parte, il nostro lavoro permette di conoscere, in modo capillare, la popolazione e i suoi movimenti; in tempi insicuri come quelli odierni, questo fatto rappresenta un grande aiuto per la nostra sicurezza.

D’altra parte, il Controllo Abitanti svizzero garantisce un esercizio efficiente dei diritti democratici. Forse avete sentito parlare del fatto che, negli Stati Uniti d’America, esistono degli accertamenti molto rigidi quando si entrata nel Paese. Ma una volta all’interno, non si è più sottoposti a controlli. Ebbene, si è saputo recentemente che molti cittadini americani non riescono ad andare a votare, perché non sono in grado di registrarsi. I singoli Stati prevedono procedure di registrazione diverse. Solitamente, bisogna legittimarsi con la patente per la guida o la carta d’identità, che molte persone, soprattutto dei ceti meno abbienti, non possiedono. Nel nostro Paese, invece, grazie al nostro sistema di Controllo Abitanti, ogni cittadina e ogni cittadino riceve il materiale di voto a casa senza doversi attivare minimamente. Significa che il nostro sistema è di fondamentale importanza per la nostra democrazia!

E questo non è poco, possiamo andar fieri del nostro lavoro!

L’Associazione vuole essere valido supporto per i soci in questo momento di trasformazioni. Il vostro Comitato è pronto a recepire le esigenze dei soci e vi invita ad interpellarci per ogni eventualità. Unicamente grazie al vostro supporto e alla vostra partecipazione potremo ulteriormente crescere ed essere, nell’ambito dell’attività di un’Amministrazione comunale, punto di riferimento per la popolazione e i nostri colleghi. In questo contesto desidero evidenziare la sempre maggior intesa con l’Unione Segretari comunali ticinesi e l’Associazione dei Tecnici comunali (Presidente di quest’ultima Massimo Bignasca che scuso per influenza). Questa collaborazione è insita specie nell’ambito della formazione che oggi giorno è tassello fondamentale per stare al passo con i tempi, proprio perché un profondo cambiamento ha toccato nel tempo gli scopi perseguiti dal nostro Statuto, seppur a mio giudizio ancora attuali: “la volontà di tutelare i comuni interessi degli associati, assicurare la reciproca assistenza, curare la collegialità, migliorare gli aspetti organizzativi delle amministrazioni comunali e di conseguenza il servizio alla cittadinanza”.

Siamo comunque cambiati, preservato ad ogni buon conto che la nostra missione è il servizio all’utenza, servizio che dev’essere disponibile e cortese.

Se pensiamo però ad esempio ai censimenti che venivano eseguiti porta a porta e ora a scadenze decennali e perdipiù a campione, di acqua sotto i ponti ne è passata. Non sono però la persona indicata per affermare se era meglio prima oppure oggi!

Io ci sono, grazie ai vostri preziosi insegnamenti e al vostro indispensabile sostegno. Opero da 25 anni negli Enti locali e ho iniziato la mia attività nell’Ufficio del controllo abitanti per poi entrare nel Comitato dell’Associazione nel 2002, anno del passaggio della Presidenza a Waldo Pfund da Gabriele Serena che devo ringraziare per avermi – in buon italiano – “ingabolato” in quel di Riva San Vitale….sono già trascorsi ben 15 anni! Ho poi assunto le redini dell’Associazione da Lauro nel 2014 e sono molto contento di far parte di questa squadra che ha ricevuto la vostra fiducia durante l’Assemblea che ha aperto i lavori in questo pomeriggio. Il Comitato è composto dalla segretaria, pure entrata nel 2002, Grazia Delmenico che opera a Paradiso, dal cassiere e anche Vicepresidente Claudio Moro Biasca e dai membri Marina Quadri Monteceneri scusata, Monica Yaa Giubiasco, Sheila Pellegrini Bodio, Andrea Luraschi Ascona scusato, Katia Corti Lugano, e la nuova entrata Andrea Pedrazzini Mendrisio che sostituisce Davide Marrarosa.

Durante l’Assemblea ho avuto modo di esporre il resoconto dell’attività. Come dicevo dobbiamo essere pronti ai cambiamenti che ci concernono, anche per il solo fatto che i Comuni diventano sempre meno. L’anno prossimo dovremmo passare a 115 Enti locali, meno della metà dei 245 che il Ticino contava ancora nel 2000!

Un aspetto che forse, e senza forse, dobbiamo curare maggiormente è il nostro legame con l’ASSA di cui pochi nostri colleghi, a onore del vero, vi fanno parte. Io in primis sono un po’ latitante alle numerose e variegate offerte che ci vengono proposte, e me ne scuso; tutti insieme dobbiamo marcare maggiormente presenza.

A livello ticinese – con gli ottimi rapporti che intratteniamo con i diversi servizi e approfitto dell’occasione per ringraziare, a nome dell’Associazione, i funzionari cantonali che ci supportano – ci attendono il riordino della legge e del regolamento controllo abitanti e le nuove dinamiche dettate dalle citate aggregazioni comunali. Potremmo inoltre maggiormente implementare – valutate le specifiche disposizioni – l’archiviazione digitale documentale del controllo abitanti. Al nostro interno invece, dovremo avviare una riflessione di come continuare ad offrire i servizi che l’Associazione propone ai suoi affiliati. Vi comunico anche che nelle prossime settimane metteremo mano al sito per un necessario aggiornamento del contenuto e dell’immagine.

Parte di queste attività sono temi che ruotano attorno alla nostra formazione. Prendo a prestito l’aforismo dell’industriale Henry Ford: “chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni”. Mi permetto aggiungere, formazione sì quale strumento per apprendere le giuste pratiche ma anche per incontrarci e passare qualche momento assieme, in un’era di contatti praticamente solo virtuali.

Oggi siete in tanti, siamo in tanti a festeggiare i 40 anni della nostra cara Associazione! E per questo siamo molto onorati!

Grazie Associazione Ticinese Funzionari Controllo Abitanti e avanti con slancio verso il ½ secolo! Tanti, tanti auguri!!

Ringrazio le Signore Anato e Perren e il Signor Lava che hanno oggi curato la formazione, gli oratori della parte ufficiale, i graditi ospiti, gli sponsor, i responsabili di questa bellissima struttura per averci accolto, i membri di Comitato per l’impegno nell’organizzazione, i delegati nell’ASSA e, soprattutto, a voi care e cari soci che quotidianamente svolgete con impegno e competenza il vostro operato, va la mia più sincera gratitudine!

BUON COMPLEANNO Associazione Ticinese Funzionari Controllo Abitanti!

Vi ringrazio per l’attenzione e vi auguro buona serata!

Christian Barelli, Presidente ATFCA     

I commenti sono chiusi.